martedì 13 settembre 2011

Ade & Persefone

E' passato un bel po' dall'ultima volta che ho lasciato un post e per tutto il tempo non mi sono quasi mai staccata dalla scrivania; fra discussioni per nuovi progetti, storie da scrivere e tavole da disegnare ho avuto davvero poco tempo per le vacanze! Spero di poter oziare un po' almeno ad ottobre e magari aggiornare un po' di storie su EFP, i miei lettori ormai mi staranno odiando per le attese infinite che devono affrontare prima di poter leggere un mio nuovo capitolo! A tutti loro, se mai arriveranno a leggere queste righe, chiedo umilmente perdono! Anche se so che scusarsi non vi farà avere un aggiornamento più velocemente... >.<
Comunque non scrivo per raccontare della mia poca capacità di gestirmi il tempo, ma per annunciare che finalmente ho terminato il progetto per la fanzine "Codice Lapis" sui miti e le leggende!
E' stata una bella faticata, soprattutto perché ho voluto sperimentare la scala di grigi per "colorare" le tavole (cosa che non avevo ancora provato). Il risultato finale non mi dispiace, anche se, come al solito, i miei lavori mi piacciono per dieci minuti e dopo di che comincio a vedere tutte le imperfezioni e a dirmi che avrei potuto fare di meglio. Si tratterà di deformazione professionale?
Ovviamente non posso postare qui tutte le tavole che ho fatto (otto per l'esattezza) dato che poi verranno stampate all'interno di "Codice Lapis". Ne metterò soltanto un paio e in più posterò pure i relativi storyboard, così, giusto per impolpare un po' il post e mostrarvi come lavoro.


Pagina 2, storyboard
Pagina 2, definitivo.
Pagina 4, storyboard
Pagina 4, definitivo

martedì 26 luglio 2011

Personaggi progetto Tozai

Incredibile come il cervello decida di andare in vacanza quando ne hai più bisogno. Un mare di lavoro da fare (e un mare è decisamente un eufemismo!) e l'encefalogramma piatto... è il caso di dirlo: ho bisogno di una vacanza! Una di quelle veramente rilassanti, magari in un bel centro benessere in mezzo alle Dolomiti. Che meraviglia... ma temo rimarrà un sogno ancora per tantissimo tempo.
Ad ogni modo, anche se faccio fatica ad ingranare, pian piano sto procedendo. Ho finalmente trovato come occupare decentemente le otto tavole datemi da Codice Lapis per il mito di Ade e Persefone; i lavori per il progetto yaoi-zine si sono avviati dopo aver deciso tutte le disposizioni del caso (anche se come al solito certa gente si fa desiderare); e anche il progetto italo-giapponese per Tozai sta cominciando a maturare.
Grazie a tutti questi lavori in corso ho conosciuto tante persone nuove e mi auguro possano nascere delle buone amicizie e, perché no, anche delle collaborazioni fruttuose. :)
Mi chiedo solo come farò a seguire anche le storie che sto scrivendo su EFP, lo so che alla fine è solo un hobby, ma ci tengo davvero tanto; grazie a quel sito ho incontrato tante ragazze meravigliose. Scrivere mi ha dato tanto nonostante io non sia una cima in materia. Mi dovrò impegnare anche per mantenere l'impegno che mi sono presa con loro.
Vi lascio con un paio di schizzi dei personaggi per Tozai, inviati qualche tempo fa alla mia collaboratrice Ran che si sta occupando di sviluppare la storia. Tornando al discorso collaborazioni fruttuose mi auguro sia proprio questo il caso!








martedì 21 giugno 2011

Di tutto un po'

Spulciando fra le varie cartellette ho notato di aver un gran numero di scarabocchi e dato che il blog è ancora un po' arido mi son detta: "perché non ci metto un po' di robaccia?" XD

E quindi eccomi qui che mi accingo ad illustrarvi i miei "magnifici" schizzi, quasi tutti direttamente a penna e ripresi dal mio microscopico taccuino dove sono solita scarabocchiare per sfizio.


Prima di tutto ho alcuni disegni riguardante il nuovo progetto di Codice Lapis. Quest'anno il tema della fanzine sono i miti e le leggende, io ho scelto quella di Ade e Persefone. Mi ha sempre intrigato molto il personaggio del Dio degli Inferi e la sua regina.Per quanto riguarda il personaggio di Ade il viso e il vestiario li ho più o meno scelti, l'unica cosa su cui non sono ancora convinta sono i vari segni che ha in viso. Ci dovrò ancora lavorare sopra.

Ade

Persefone

Anche su Persefone ho avuto alcuni ripensamenti, soprattutto sui vestiti. Alla fine penso le farò l'ultimo, ma con la gonna più corta, così da darle più l'aspetto di una ragazzina; la toga lunga la terrò per Demetra, la madre.

Varie idee per il vestito di Persefone




***


Da qui in poi sono tutti scarabocchi a caso, più o meno decenti. Devo dire la verità, anche se alcuni non sono il massimo mi sono divertita a farli. :)
In effetti certi disegni non sono neppure recentissimi, ma valeva la pena metterli.



Chibi Adrian

Tomoyo & Kram <3

Cuie (un personaggio di una storia fantasy che mi piacerebbe realizzare)

Jack (uno dei miei soggetti preferiti)

Jack versione "uhuhuh" XD

Jack liceale

Jack & Uichiro + chibi Ludwig

Joe <3

Joe

Da destra Uichiro, Jack e Ludwig (disegno mai finito)

Coppietta di cui non dirò nulla per paura di spoiler!

Ezechiele (una delle prime prove a colori con Photoshop, adoro i suoi capelli lilla!)

Lazar

Tomoyo

Ares :3
Per stavolta ho finito, mi son liberata di tutti gli scarabocchi che avevo in giro.
Intanto che ci sono comunico che la sottoscritta ha aderito, più o meno volontariamente, ad altre due iniziative oltre a quella di Codice Lapis.
Mi toccherà darmi da fare! >.<

martedì 17 maggio 2011

Un assaggino d'Immaginaria!

Finalmente i lavori per il volume Special di Codice Lapis si sono conclusi. Ognuna delle ragazze che ha partecipato al progetto ha fatto un buon lavoro e spero che questa nostra piccola fatica possa piacere ai più piccini, ma che sappia anche strappare un sorriso ai loro genitori.
Il gruppetto ha fatto del loro meglio e io con loro. Incrociamo le dita!
Ricordo che nei giorni 25, 26 e 27 potrete trovarci qui: "Immaginaria Festival, libri e ragazzi tra fantastico e realtà".
Ora vi lascio con qualche assaggino de "Le stregose avventure di Martina e Daniele"!


Trailer del volume!

video



Un pezzetto della storia

Pagina 2


Più due piccoli extra: cartolina e segnalibro

Cartolina con streghetta

Segnalibro

giovedì 14 aprile 2011

Lazar & Ivar

E mentre mi occupo di fatine, bambini e mostriciattoli per il progetto di Codice Lapis Special... la mia mente devia e la mia mano la segue. U.U
E' tutt'oggi che ho la testa da un'altra parte, a ponderare su come concludere il 21° capitolo di Lucifer; -un racconto che ormai da due anni prosegue e pubblico sul sito EFP- alla fine non sono riuscita a trattenermi e ho messo momentaneamente da parte le tavole per Immaginaria e mi sono data allo scarabocchiaggio. Cosa poteva venirmi fuori se non loro, la coppia tanto sofferta: Lazar e Ivar?
Premetto che è soltanto un disegno a matita piuttosto sommario, colorato, per di più, a Photoshop, ma a colpi di mouse, non di tavoletta grafica e si vede! XD
Però volevo rendervi partecipi del mio stato d'animo, spero vi possa piacere. Sono sicura che le lettrici appassionate di Lucifer apprezzeranno.
Appena avrò tempo vedrò di farlo in bella. Ora torno al mio lavoro!

giovedì 10 marzo 2011

Studi dei personaggi per il festival di Immaginaria

Alcuni individui che popoleranno il volume Special di Codice Lapis, pensato per la fiera "Immaginaria, libri e ragazzi fra fantastico e realtà".
Io mi occuperò del "mondo della medicina".


Daniele e Martina

La fatina della medicina: Rossella


Strega Deborah

Le mascotte Kink e Christal

Il gruppetto al completo

Microbi Coff Coff

Mr. e Mrs. Pastiglia

La medicina cattiva







venerdì 25 febbraio 2011

Brand Röd

Quest'opera è stata presentata all'interno della fanzine "Codice Lapis", pubblicata per la prima volta al Lucca Comics&Games del 2010.
Il tema affrontato allora era "i bambini e il grottesco", anche se a dire il vero si era prima pensato ai bambini come protagonisti di favole grottesche, o in qualche modo legati a tale argomento.
Per la mia storia ho pensato ai cattivi delle favole. I cattivi sono cattivi, certo, ma perché lo sono diventati?
Ragionando su questo interrogativo è nata l'ispirazione per "Brand Röd" ("rosso fuoco" in svedese) dove si narra di uno sventurato ragazzino dai capelli rossi, maltrattato e guardato con diffidenza da tutti a causa della sua chioma fulva considerata un segno di sventura, nonché carattere somatico comune fra streghe e stregoni.
Le mie tavole preferite sono dalla 4 fino alla 6, ma credo che si noti!
Ho voluto evitare i riempimenti con il nero per date un effetto vagamente simile alle stampe che c'erano una volta nei vecchi libri di favole. L'effetto non ci somiglia per niente, però è stato un esperimento interessante.



Pag 1

Pag 2

Pag 3

Pag 4

Pag 5

Pag 6

Rodiguez

Poco dopo a Nameless ho realizzato quest'altro lavoro, sempre per la scuola Comics. Il tema non era libero, quindi mi sono attenuta al copione che c'era stato dato, dove questo "lupo" andava in giro a spaccare teste per amore della sua "pecorella". Lo stile era a propria scelta e io ho deciso di avventurarmi nel disegno di animali antropomorfi, cosa che non avevo mai fatto prima! Devo ammettere che, nonostante tutto, mi sono divertita a disegnarli, soprattutto il toro. Mi fa morire dal ridere con quella faccetta un po' da triglia e un po' da uomo -pardon, toro- vissuto!
Solitamente non lavoro a colori; non perché non mi piaccia, ma perché al momento della stampa le tonalità non vengono mai come si vuole! Almeno con il B/N sei sicuro che il bianco sia bianco e il nero sia nero -sperando che non venga fuori un bel grigio-! Comunque in questo progetto ho utilizzato i cari vecchi acquarelli. Peccato che con la scansione molti colori si siano persi.

Pag 1
Pag 2


Pag 3

Pag 4

giovedì 24 febbraio 2011

Nameless

Questo progetto incompleto arriva un anno dopo a quello di "The Family", sempre prodotto come compito per la scuola Comics. L'idea era quella di pensare questa storia come a un progetto da presentare a una casa editrice francese; infatti il tratto è a linea chiara, pronto per essere colorato a Photoshop. Cosa che ahimè poi non ho portato a compimento, limitandomi a colorare soltanto la copertina e i personaggi principali.
P.s. la ragazza dai capelli ricci (Ginevra), ha una cicatrice da ustione sul lato sinistro del viso. Per questo il bambino si spaventa e si mette a piangere. Pure lo sfregio doveva essere aggiunto con la colorazione.



Copertina

Ginevra e Virginia

Pag 1

Pag 2

Pag 3

Pag 4